GIORNALISMO E COMUNICAZIONE DIGITALE

Questa pagina è dedicata all’articolo da me realizzato per l’esame finale di Giornalismo e Comunicazione digitale (A.A 2018-2019) per la Professoressa Adriana Apicella.

E-Book o libri cartacei?

Con l’invenzione di internet e il progresso dei dispositivi elettronici sono avvenuti molti cambiamenti. Uno di questi è la diffusione, sempre più in aumento degli E-book, ovvero libri elettronici che stanno piano piano sostituendo i libri cartacei. E voi preferite leggere sfogliando le pagine di un libro o leggere davanti uno schermo di un libro elettronico?

I libri cartacei e le parole su carta stampata, da molti anni ormai, con l’invenzione del computer (https://it.blastingnews.com/curiosita/2017/08/il-primo-computer-della-storia-chi-lha-inventato-e-quando-001909805.html) e di internet (https://www.wired.it/internet/web/2016/04/29/vera-storia-internet/) stanno perdendo la loro importanza. Da quando si ha la possibilità di navigare su internet e cercare tutto ciò che si desidera si pensa che sia inutile comprare un libro, sia per risparmiare soldi che tempo. Ovviamente accendere il vostro computer comodamente da casa vostra e avere una così vasta rete di conoscenza disponibile in un solo dispositivo è molto più facile che uscire, andare in una libreria e spendere soldi per acquistare più libri. Inoltre con l’invenzione degli smartphone, tablet, ed E-books le ragioni per comprare libri cartacei sono diminuite maggiormente. Infatti basta solo prendere i vostri  telefonini dalle borse e iniziare la vostra ricerca o lettura ovunque siate senza troppe complicazioni o perdite di tempo. Peraltro, per esempio durante un lungo o breve viaggio è molto più conveniente mettere nella valigia un solo dispositivo contenente un numero indefinito e illimitato di libri al suo interno che portare con voi due o tre libri che pesano di più e occupano più spazio.

Nonostante molte persone pensino che internet, i computer e altri dispositivi elettronici possano rimpiazzare i libri cartacei (https://editoria-digitale.com/2017/12/27/italia-ebook-istat/) al contrario altre pensano che questo sia impossibile, come il signor Bruno – 70 anni di Roma, studioso di economia e politica e appassionato di lettura – il quale ha affermato che per lui sfogliare le pagine di un libro e sentire l’odore della carta appena stampata è molto più soddisfacente e appagante che leggere da uno schermo elettronico. Per Bruno è molto importante toccare le pagine del libro e sottolineare con un evidenziatore le parti del racconto che preferisce. Chiedendogli qual è la sensazione più bella di avere dei libri cartacei la sua risposta è stata che la cosa che ama di più è collezionarli e sistemarli nella sua libreria (contenente più di 200 libri) perché quando vede davanti a lui tutti quei libri che ha letto in tutti questi anni sente un senso di pace e tranquillità e soprattutto gli vengono in mente tutte le emozioni che ogni libro gli ha trasmesso e regalato, perché i libri oltre a darci cultura ci insegnano a vivere, conclude il signor Bruno. Alla seconda domanda: “Pensa che la tecnologia moderna, come internet  i computer potranno mai sostituire i libri cartacei come principale fonte di informazione?” La sua risposta è stata: “No, assolutamente, perché penso che un libro cartaceo possa darti la possibilità di capire e ragionare meglio su ciò che stai leggendo.”

Vorrei concludere questo articolo con una mia frase che penso ogni volta che leggo un libro: Un libro è sempre l’inizio di un nuovo viaggio, quindi vi do un consiglio. Dovete pensare che un libro sia come un biglietto aereo che non dovete mai perdere e tenere con cura che vi da la possibilità di scappare quando volete e di viaggiare con la vostra immaginazione. Basta solo aprire il libro e iniziare la vostra avventura.

Grazie per l’attenzione, Arianna Bellagotti.